I tre Setacci/Filtri di Socrate

La storia dei tre filtri di Socrate racconta che in un’occasione uno dei suoi discepoli andò da lui in grande agitazione. Disse al filosofo di aver incontrato uno dei suoi amici e che le avevano parlato di Socrate.
Sentendo questo, Socrate gli chiese di calmarsi. Dopo averci pensato un attimo, le ha detto che prima di ascoltare quello che doveva dirle,
il messaggio doveva passare attraverso tre filtri. Se non li avesse superati, il messaggio non varrebbe la pena ascoltarlo.

Come era sua abitudine, il saggio greco fece una domanda al suo appassionato discepolo. Questa domanda era: “Sei assolutamente sicuro che quello
che stai per dirmi sia vero?”, “Ne hai la prova assoluta?”, “Daresti anche la tua vita per assicurarti che sia vero?”. Il discepolo pensò per un momento.
In realtà, non poteva esserne sicuro, dal momento che tutto poteva diventare una questione di prospettiva. “Allora non sai se tutto è vero o no”,
diceva il filosofo. Il discepolo ha dovuto ammettere di no.

Poi il grande maestro di greco fece una seconda domanda: “Va bene quello che mi dirai? o no?” Il discepolo rispose che ovviamente non era una buona cosa.
Al contrario. Quello che doveva dirle erano parole che, secondo lui, avrebbero causato disagio e angoscia. Quindi Socrate ha sottolineato:
“Mi dirai qualcosa di brutto, ma non sei del tutto sicuro che sia vero”. Il discepolo ammise che era così.

Per finire, Socrate dovette sollevare una terza domanda e così fece. Disse: “Quello che hai da dirmi su di me mi aiuterà, amico? O forse dirmelo
farà cambiare la situazione?” Il discepolo esitò. In verità, non sapeva se quell’informazione gli sarebbe stata di qualche utilità o meno.
Forse non avrebbe fatto che aumentare l’inimicizia, ma considerando che non si sapeva se fosse vero o no, forse sapere che non sarebbe stato utile,
poiché di certo non avrebbe impedito a ciascuno di avere i propri punti di vista.

Al termine di queste tre domande, il filosofo si rifiutò di ascoltare ciò che il suo discepolo voleva dirgli, dicendo:
“Se quello che vuoi dirmi non è vero, non è buono e non è nemmeno utile, perché dovrei voglio sapere? Non dirmi niente”, ha concluso.

Verità, bontà e utilità sono i tre filtri di Socrate. Per il filosofo sono queste le domande che tutti dovrebbero porsi prima di dire qualcosa.
Il primo: sono sicuro che quello che sto per dire sia vero? Il secondo: quello che sto per dire è buono?
E il terzo: aiuta in qualcosa o è necessario dirlo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: